La Fabbrica di Nichi di Torino
PER POTER SCRIVERE E DISCUTERE SUL FORUM DELLA FABBRICA DEVI REGISTRARTI OPPURE CONNETTERTI SE SEI GIA' REGISTRATO.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Luglio 2018
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Le fABBRICHE incontrano Gennaro Migliore

Mer Feb 16, 2011 5:48 pm Da Admin

Ora
venerdì 18 febbraio · 15.30 - 18.00
Luogo


Commenti: 0

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Lun Dic 06, 2010 8:49 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 1

UN'italia di cui fidarsi

Ven Dic 10, 2010 1:16 am Da Admin


martedì 14 dicembre · 17.00 - 20.00


Commenti: 3

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Ven Nov 12, 2010 9:38 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 3

13/12 Dialogare con gli uomini per vincere contro la violenza di genere“

Dom Dic 05, 2010 10:56 am Da Admin


Lunedì 13, ore 21: la Fabbrica presenta …

Commenti: 0

Google friends
più seguiti
Follow Forum
Parole chiave

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Fabbrica e Officine discutono di ambiente e beni pubblici

Andare in basso

Fabbrica e Officine discutono di ambiente e beni pubblici

Messaggio Da Admin il Ven Dic 31, 2010 1:30 pm

Martedì 30 novembre, presso la sala Cubo di via Pallavicino 35, iniziativa organizzata insieme alle Officine Corsare nell’ambito della campagna per l’acqua bene comune.
Intervengono Flavia Bianchi, Vanda Bonardo e Ugo Mattei.
——————————————————
RESOCONTO (di Cecilia Navarra)
L’assemblea del 30 novembre è stata un’assemblea tematica su ambiente e beni comuni. La prima cosa importante da sottolineare è che è stata un’assemblea organizzata insieme alle Officine Corsare, che stanno portando avanti un percorso di lavoro molto interessante sui beni comuni. L’incontro con i Corsari su questi temi è stato molto interessante e produttivo!
Sono intervenuti Flavia Bianchi, architetto urbanista e membro della segreteria di Legambiente, Vanda Bonardo, presidentessa di Legambiente, e Ugo Mattei, docente dell’Università di Torino e Università della California; ne è seguito un dibattito molto intenso.
Di seguito una sintesi delle questioni emerse.
La prima questione è quella del rapporto tra ambiente e lavoro: se fino a 20-30 anni fa erano in conflitto, oggi non è più cosi, dal momento che l’ambiente stesso sta diventando occasione di lavoro. Questo processo non è però completo e dovrebbe risolversi in uno slancio decisivo della “green economy”, ovvero di un sistema di produzione e consumo che coniughi ambiente e lavoro intorno alle energie rinnovabili, al risparmio energetico e a un uso sostenibile del territorio. Questo non avviene perché esistono delle forti rendite, che bloccano i cambiamenti, anche laddove sarebbero convenienti. Quale deve essere il ruolo del pubblico? Quello di guidare il cambiamento e di spingere gli attori, dove necessario, attraverso un sistema di incentivi e disincentivi. Il pubblico deve anche promuovere processi di pianificazione partecipata; il secondo versante, infatti, del cambiamento è quello “dal basso”, ovvero legato ai cambiamenti di comportamento e alla partecipazione delle persone, che promuovano nuovi modelli di lavoro e consumo che permettano di sfruttare le potenzialità che oggi abbiamo (per esempio le possibilità produttive date dalla tecnologia, in termini di soddisfazione di fabbisogni).
La seconda questione è quella del rapporto tra ambiente, dinamiche sociali e organizzazione del territorio: la prima caratteristica di un insediamento è quella di consumare territorio, che è scarso e non riproducibile; inoltre, gli effetti che un insediamento produce non sono mai puntuali e limitati a un’area. Sono questi elementi che rendono le scelte relative all’urbanistica scelte particolarmente delicate. Queste scelte sono scelte della politica. Ad esempio, oggi esiste un movimento di persone che si spostano a vivere fuori dal centro, ma che continuano a lavorare in centro alle città: questo flusso non è socialmente neutro, perché sono le fasce più deboli che si stanno spostando. Nuove zone abitate significa nuovo bisogno di servizi: sono ancora troppo scarse le considerazioni in termini di adeguatezza dei servizi pubblici che vengono forniti. Anche il fabbisogno dipende dalle politiche: la costruzione di abitazioni oggi in corso è per coloro che comprano la seconda casa come bene di investimento, non per chi la casa ancora non ce l’ha.
Il terzo tema è quello dei beni comuni. Cosa sono i beni comuni? Sono ciò che non è né Stato, né mercato e che non è tutelato da nessuno dei due. Ugo Mattei parte proprio dal caso dell’Università, che ha visto il giorno stesso della nostra assemblea la votazione della “riforma Gelmini”: si è trattato di un vero e proprio caso di espropriazione di un bene comune. Questo caso ha dimostrato il grande distacco tra le sedi decisionali e la tutela del bene comune: Stato e mercato non sono più portatori di interessi contrapposti, ma si articolano invece entrambi intorno al principio di autorità, alla concentrazione del potere e all’esclusione. Il diritto stesso si è articolato intorno alla tutela della proprietà privata ed è inadeguato di fronte al bisogno di garantire i beni comuni. Privatizzare i beni comuni, infatti, significa sottoporli al regime di proprietà privata, che prevede il diritto di indennizzo, a prezzi di mercato, in caso di espropriazione. Mattei, quindi, identifica il “comune” come contrapposto a stato e mercato: il primo, quindi, necessita di strumenti specifici di gestione, che devono essere condivisione del potere e democrazia partecipativa.
Su questi tre temi, si è articolato una bella discussione principalmente intorno a: lavoro e beni comuni (la riduzione dell’orario di lavoro deve essere un obiettivo); come lo Stato è stato “catturato” dagli interessi del privato; valore della produzione e ambiente: le conseguenze ambientali dovrebbero influire sul valore di quello che si produce; pianificazione partecipata, ad esempio per sviluppare lavoro attraverso il risparmio energetico; importanza di scelte anche non guidate dall’efficienza nella produzione.
Come è nostra ormai consolidata prassi, da questa plenaria parte l’elaborazione di un gruppo di lavoro. Non è stato ancora identificato un responsabile e un calendario di attività, ma chi fosse interessato, per ora contatti me: cecilia.navarra@gmail.com.
Sul tema beni comuni, vi incoraggiamo anche a seguire le attività delle Officine Corsare, che stanno sviluppando un filone di lavoro articolato e interessante in materia.
Cecilia

_________________
"Nelle fiabe non si insegna ai bambini che esistono i draghi, quello lo sanno già...
...si insegna ai bambini che i draghi si possono sconfiggere"
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 11.11.10
Età : 40
Località : Torino

http://fabbricadinichi.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum