La Fabbrica di Nichi di Torino
PER POTER SCRIVERE E DISCUTERE SUL FORUM DELLA FABBRICA DEVI REGISTRARTI OPPURE CONNETTERTI SE SEI GIA' REGISTRATO.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Dicembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Le fABBRICHE incontrano Gennaro Migliore

Mer Feb 16, 2011 5:48 pm Da Admin

Ora
venerdì 18 febbraio · 15.30 - 18.00
Luogo


Commenti: 0

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Lun Dic 06, 2010 8:49 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 1

UN'italia di cui fidarsi

Ven Dic 10, 2010 1:16 am Da Admin


martedì 14 dicembre · 17.00 - 20.00


Commenti: 3

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Ven Nov 12, 2010 9:38 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 3

13/12 Dialogare con gli uomini per vincere contro la violenza di genere“

Dom Dic 05, 2010 10:56 am Da Admin


Lunedì 13, ore 21: la Fabbrica presenta …

Commenti: 0

Google friends
più seguiti
Follow Forum
Parole chiave

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Caro Nichi ti Scriviamo

Andare in basso

Caro Nichi ti Scriviamo

Messaggio Da Admin il Gio Nov 11, 2010 7:27 pm

Caro Nichi,
siamo molto emozionati e curiosi all’idea di incontrarti e di parlare con te.
Ti scriviamo queste righe per presentarci e dirti qualcosa di noi.
Ci sentivamo dei binari interrotti.
Alcuni di noi avevano rimosso esperienze anche lunghe di impegno, relegate tra i ricordi di entusiasmi adolescenziali, si erano lasciati convincere da una trita e fuorviante retorica dell’adultità.
Altri avevano continuato, accompagnati però dall’amarezza di chi vive continue delusioni, di chi si scontra con le macchine arrugginite di una politica sempre meno capace di riflettere su se stessa.
Tanti non avevano mai smesso di impegnarsi quotidianamente sul lavoro: nelle scuole, nelle università, nelle associazioni, nelle cooperative, nel terzo settore, luoghi che la politica sembrava aver disertato.
Qualcuno aveva militato altrove, anche in terre politicamente lontane, qualcun altro è alla sua prima esperienza.
Non avevamo perso le parole, ma ne avevamo persa l’eco: ci eravamo abituati a pensare che il lavoro, l’ambiente, la giustizia sociale, la formazione e la ricerca, la cultura, le pari opportunità, fossero temi estromessi definitivamente dal linguaggio pubblico; erano rimasti nelle nostre case e di fronte alle nostre birre, in uno stanco e disilluso privato.
Ci siamo ritrovati, inizialmente confusi ma entusiasti, e abbiamo cominciato a ragionare insieme sulle “parole e le cose” di una politica nuova.
Per non fermarci ad analisi semplicistiche o ideologiche ci è sembrato prioritario superare i confini dello slogan, ricominciare a studiare per capire meglio, lavorare sui concetti espropriati o inariditi partendo dalle esperienze, dalle fatiche e dalle idee di chi tutti i giorni quei concetti li vive. Abbiamo chiamato i nostri momenti di riunione plenaria, dedicati a un primo scambio di idee su un tema scelto, “la Fabbrica discute”.
“La Fabbrica lavora” è invece il nome con cui abbiamo battezzato i gruppi di lavoro tematici, all’interno dei quali condividiamo materiali, competenze e proposte. Ogni gruppo si è dato come primo obiettivo di uscire allo scoperto, al di fuori della Fabbrica, con iniziative itineranti in giro per Torino. Per queste occasioni, mirate a “rinarrare” mondi sommersi o distorti, a ricollegare la politica alla vita, abbiamo scelto “la Fabbrica racconta”.
Si è cominciato a fine giugno con “Scendi! Le sedie contro la crisi”, un’iniziativa pubblica in cui si invitavano gli abitanti del quartiere Vanchiglia a scendere in piazza con una sedia, per partecipare a una serata di musica e discussione sullo stato di crisi economica dell’Italia, sulla manovra finanziaria e i suoi effetti a Torino e in Piemonte, sullo sciopero generale della CGIL, su Pomigliano e le conseguenze dell’accordo sui diritti dei lavoratori.
Due settimane fa, con “Scendi! Le sedie per l’istruzione e la ricerca”, siamo andati a parlare di scuola e università in Barriera di Milano, un quartiere popolare con una significativa presenza di immigrati, uno spazio in cui la retorica xenofoba della Lega ha recentemente trovato un terreno fertile, nutrendosi del disagio, della paura e della rabbia delle persone. Abbiamo invitato insegnanti, precari, studenti, genitori e ricercatori tra i banchi del mercato del sabato, a portare una voce diversa, suscitando perplessità e diffidenza, ma anche curiosità e un interesse insperato. A giornata conclusa ci è parsa evidente l’importanza di non abbandonare quel luogo, e altri come quello, di tornarci con regolarità e “adottarlo” come “l’Angolo delle Fabbriche di Nichi”, nella convinzione che non si tratti solo di una battaglia simbolica o a scopo elettorale, ma di un’opportunità per ristabilire dei legami perduti, per rimettere al centro quella che viene liquidata come periferia.
Il 13 novembre ci troveremo al mercato delle pulci del Balôn, nell’unica zona del centro di Torino ancora avvertita come critica e pericolosa. Ci andremo per parlare della Moschea della Pace, il cui trasferimento in una struttura finalmente idonea incontra ancora l’opposizione dei consiglieri comunali della Lega. Il senso dell’iniziativa, “Scendi! Le sedie per l’integrazione e la libertà di culto” – anch’essa concepita solo come inizio di un percorso di elaborazione -, è quello di offrire una “narrazione” alternativa a quella basata sulla paura e il pregiudizio. Questo sarà lo spunto per discutere insieme alla gente del quartiere di pluralismo religioso, laicità e diritti delle minoranze con esperti, studiosi ed esponenti delle comunità presenti sul territorio cittadino.
“La Fabbrica incontra” è il momento in cui invitiamo figure pubbliche, intellettuali, persone che rappresentano un punto di riferimento per la nostra elaborazione politica. Il 5 novembre incontreremo te. Abbiamo invitato alcune persone a rivolgerti delle domande e offrire i loro contributi con degli spunti su diritto allo studio, lavoro, università e ricerca, legalità, integrazione, periferie, ambiente.
Il nostro lavoro continua, con cantieri vecchi e nuovi: la Fabbrica prossimamente discuterà, lavorerà, incontrerà e racconterà “patriarcato e questione di genere”, “spesa pubblica”, “sicurezza e lavoro”.
Ci auguriamo che da noi tu ti possa sentire a casa, nonostante la nebbia del settentrione, e che sia l’inizio di un percorso comune, nella speranza che anche tu possa trovare ricchezza nel nostro lavoro, così come noi ogni giorno troviamo slancio e stimolo nella tua vita attiva.
Un abbraccio,
avatar
Admin
Admin

Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 11.11.10
Età : 40
Località : Torino

http://fabbricadinichi.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum