La Fabbrica di Nichi di Torino
PER POTER SCRIVERE E DISCUTERE SUL FORUM DELLA FABBRICA DEVI REGISTRARTI OPPURE CONNETTERTI SE SEI GIA' REGISTRATO.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Agosto 2018
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Calendario Calendario

Le fABBRICHE incontrano Gennaro Migliore

Mer Feb 16, 2011 5:48 pm Da Admin

Ora
venerdì 18 febbraio · 15.30 - 18.00
Luogo


Commenti: 0

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Lun Dic 06, 2010 8:49 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 1

UN'italia di cui fidarsi

Ven Dic 10, 2010 1:16 am Da Admin


martedì 14 dicembre · 17.00 - 20.00


Commenti: 3

Tutti i WEEk End L'angolo di Nichi a Barriera di Milano e Mirafiori

Ven Nov 12, 2010 9:38 pm Da Admin

L'angolo di Nichi al mercato di Piazza Foroni …

Commenti: 3

13/12 Dialogare con gli uomini per vincere contro la violenza di genere“

Dom Dic 05, 2010 10:56 am Da Admin


Lunedì 13, ore 21: la Fabbrica presenta …

Commenti: 0

Google friends
più seguiti
Follow Forum
Parole chiave

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



libia/Irak/pakistan

Andare in basso

libia/Irak/pakistan

Messaggio Da bellavita il Mer Feb 23, 2011 6:59 am

Cosa c'entrano tra loro? vi sento chiedere. C'entra che sono tutti e tre stati finti, creati nel periodo coloniale appiccicando tra loro realtà diverse sotto il profilo storico, tribale, e anche religioso pur nell'ambito islamico. Tenute insieme da un esercito che per molti anni è stata l'unica realtà efficiente del paese, alla guida dei rapporti economici e internazionali. Abbiamo visto cosa è successo in Irak, che non è ancora uscito dalla paralisi politica della contrapposizione tra le comunità sciite, sunnite e curde, e intanto ha rallentato la produzione di petrolio. Adesso è la volta della Libia, che può dividersi in almeno 3 emirati con storie tribali diverse, ciascuno con i suoi colonnelli, le sue armi e la sua mano sul rubinetto del petrolio e del gas.
Attenzione: che da questi paesi arrivi meno gas e petrolio conviene a tutti: ai sauditi, che venderanno più caro il petrolio che a loro costa quasi niente, a chi devasta la costa Ovest del Canada e degli USA per estrarre a caro prezzo dalle sabbie bituminose, al Brasile, alla Norvegia e a quanti sono impegnati nella costosissima e rischiosa estrazione dai fondali profondi, a quanti vogliono ammortizzare i costosi progetti per le nuove generazioni di centrali nucleari, ai produttori delle costose energie alternative. Meno che agli utenti, ma al pianeta conviene che si consumi un po' meno perchè costa troppo...
In Pakistan , non si parla di energia, anche se forse ne potrebbero ricavare da torrenti e fiumi, ma anche lì, se salta l'unità dell'esercito, ci si ritrova con tanti emirati ciascuno coi suoi generali ma anche con le sue atomiche: pericolosissimo.
Sarà in grado l'intelligence USA, che negli ultimi 20 anni ha dato prove miserevoli di incapacità, di affrontare questo nuovo scenario? per di più senza l'arma fondamentale per affrontare le situazioni conflittuali: i soldi?
O sarà la volta che scendono sulla scena mondiale quelli che hanno ancora una riserva di soldi, cioè i cinesi, secondo le loro logiche, che sono prima di tutto l'immenso bisogno di energia, e non quelle cui siamo abituati

bellavita
Coinvolto
Coinvolto

Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 26.11.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum